Chi siamo

CUBO è lo spazio culturale e multimediale realizzato nel 2013 dal Gruppo Unipol per rappresentare in forma artistica e tecnologica la storia, l’identità e i valori sociali del Gruppo. E’ uno spazio aperto ai cittadini che vuole indagare il mondo contemporaneo, attraverso il confronto e il dialogo, mettendo al centro le persone, i diversi punti di vista, le contraddizioni dell’attualità e le visioni di futuro. CUBO propone tutto l’anno mostre d’arte, incontri, eventi, conferenze e laboratori per adulti, ragazzi, bambini e famiglie e moduli didattici per scuole.


Mission


  • Raccontare l’identità aziendale che significa raccogliere le storie dei lavoratori, le loro testimonianze singole e collettive, trasferire ai più giovani le esperienze del passato, guidare le azioni e lo sviluppo di idee legate a valori condivisi per andare oltre i limitati confini di una scrivania. Porsi come riferimento nel un processo di contaminazione e di evoluzione aziendale dato dalle recenti acquisizioni.
  • Promuovere relazioni e incontri tra le persone. Essere punto di incontro per i quartieri e la città in generale, essere un luogo aperto alle contaminazioni di esperienze, grazie anche a partnership con le tante soggettività e associazioni che da anni lavorano a Bologna.
  • Promuovere eventi culturali e artistici e d’impegno sociale al fine di contribuire alla elevazione civica, sociale e culturale di visitatori interni ed esterni all’azienda.
  • Promuovere la cultura della sicurezza stradale attraverso l’utilizzo dei simulatori di guida e la realizzazione di attività finalizzate ad accrescere la perizia nella guida e l'educazione alla corretta percezione del rischio attraverso la consapevolezza dei limiti del veicolo nel comportamento stradale e l’interpretazione dei limiti psicofisici del conducente, anche con riferimento all’uso di alcool e di sostanze stupefacenti.
  • Promuovere iniziative indirizzate ai bambini e ai giovani dai laboratori creativi e formativi all’educazione stradale intesa come educazione al rispetto della legalità, alla cultura della convivenza e della responsabilità verso gli altri.
  • Avvicinare Unipol ai visitatori esterni per trasmettere loro il valore sociale del Gruppo e i riflessi che può avere sulle loro vite.

 

 

Regolamento


  1. PREMESSA
    CUBO Centro Unipol BOlogna è una unità organizzativa di Unipol Gruppo Finanziario creata nel 2011.
    Il Centro si trova in Piazza Sergio Vieira De Mello, sulla piazza sopraelevata della sede di Porta Europa a Bologna, in Via Stalingrado 37.
    CUBO si articola sulle due ali al piano terra collegate dai giardini, creando idealmente uno spazio tridimensionale idealmente riconoscibile in un cubo, un elemento a sei facce come sono sei le principali attività di CUBO.

  2. FUNZIONI ISTITUZIONALI E MISSIONE SPECIFICA
    Il Centro è stato realizzato per trasmettere e rafforzare l’identità del nostro Gruppo attraverso il racconto della storia, dell’evoluzione e dello sviluppo tra passato e futuro.
    CUBO è suddiviso in due sezioni espositive (Spazio Rosso e Spazio Blu) dedicate a diverse tematiche in linea con le strategie del Gruppo:
    • Storia
    • Sicurezza
    • Multimedia
    • Eventi
    • Cultura
    • Arte
    Il Centro intende quindi:
    1. raccogliere il materiale storico delle imprese che fanno parte del Gruppo, curandone la ricerca, l'acquisizione, l’inventariazione, la catalogazione, la conservazione, l'ordinamento e l'esposizione
    2. valorizzare, promuovere, diffondere la conoscenza del patrimonio artistico, culturale e valoriale di Unipol;
    3. programmare, progettare e realizzare mostre, incontri, seminari, convegni e eventi culturali in genere, anche in collaborazione con altri soggetti pubblici e privati;
    4. promuovere attività educative, divulgative e didattiche anche in collaborazione con istituti di istruzione, università, istituzioni culturali e di ricerca italiane e straniere, nonché di istituti e associazioni dedite all’educazione permanente;
    5. organizzare itinerari culturali, individuati mediante la connessione fra beni culturali e ambientali diversi, anche in collaborazione con gli enti e organi competenti;
    6. partecipare al sistema integrato dei musei del territorio metropolitano e regionale, e collaborare con istituzioni, enti pubblici e soggetti privati operanti nel settore culturale a livello locale, nazionale ed internazionale;
    7. collaborare con i settori delle Istituzioni nella conservazione dei beni culturali del Comune e della Regione, in accordo con gli enti e gli uffici competenti per la tutela;
    8. curare i rapporti con eventuali forme associative pubbliche e private operanti nei settori omologhi a quelli delle varie aree culturali interessate aventi, come proprio scopo, il sostegno all'attività culturale del Centro.

     

  3. DIREZIONE DEL CENTRO
    1. La Direzione, nel rispetto degli indirizzi generali previsti per la funzione:
      1. provvede alla definizione del progetto culturale e istituzionale del Centro, delle iniziative culturali, artistiche e scientifiche del Centro, curando anche le relative relazioni nazionali ed internazionali;
      2. provvede alla gestione organizzativa e amministrativa del Centro, mediante i competenti uffici, nonché all’organizzazione esecutiva delle singole iniziative, predisponendo mezzi e strumenti necessari per la loro concreta attuazione;
      3. propone il budget di previsione e redige il consuntivo;
      4. coordina e dirige l’attività dei dipendenti assegnati al Centro, che sono ad esso funzionalmente subordinati;
      5. adotta ogni misura idonea alla sicurezza dei beni e delle persone che lavorano o accedono al Centro;
      6. assicura la tenuta e l’aggiornamento degli archivi digitali e degli inventari;
      7. formula proposte ed esprime pareri in ordine all’acquisizione in comodato, alla prelazione, all’acquisto, all’assegnazione e al deposito presso il Centro di beni culturali di proprietà privata o di soggetti pubblici, ed in ordine all’uso dei beni del patrimonio museale assegnato e al prestito delle opere;
      8. coordina il monitoraggio e la valutazione delle attività e dei servizi per il pubblico, nel rispetto degli standard di qualità fissati nella carta dei servizi, e verifica l’acquisizione dei dati quantitativi e qualitativi sui visitatori;
      9. cura, nel rispetto degli indirizzi aziendali, i rapporti sindacali in ordine al personale del Centro;
      10. predispone un documento periodico con la relazione delle attività del Centro, che contempla:
        1. gli obiettivi specifici dell’attività del Centro nell’ambito della sua missione, e in particolare le iniziative da realizzare per la valorizzazione delle strutture e del patrimonio, la catalogazione delle opere, nuovi allestimenti, mostre ed altri eventi culturali;
        2. le eventuali misure per la gestione, anche integrata, dei servizi del Centro, in forma diretta o mediante affidamento a soggetti esterni;
        3. le iniziative di studio, ricerca e di innovazione in tema di catalogazione e inventariazione dei beni culturali, anche in concorso con le regioni ai sensi della normativa in materia;
        4. l’organizzazione di studi, ricerche ed iniziative culturali, anche in collaborazione con le regioni, le università e le istituzioni culturali e di ricerca;
        5. le forme di partecipazione del Centro alle iniziative di promozione della formazione nelle materie di competenza in collaborazione con le università, le regioni e gli enti locali;
        6. le misure di formazione ed aggiornamento del personale del Centro;
        7. le iniziative di promozione presso le scuole di ogni ordine e grado, per la diffusione delle conoscenze connesse alle attività del Centro;
        8. le modalità di verifica dei risultati ottenuti in rapporto agli obiettivi e alle risorse assegnati.

     

  4. PERSONALE
    1. Per l'esercizio delle proprie funzioni, CUBO si avvale di personale dipendente appositamente assegnato.
      CUBO organizza la gestione degli spazi espositivi e dei servizi che gli sono affidati, nel rispetto della normativa vigente:
      1. le linee guida della Legge Regionale 18/2000 e la relativa delibera di Giunta;
      2. i requisiti obbligatori definiti dall’Istituto dei Beni Culturali (IBC);
      3. i profili e qualifiche professionali per i musei della Regione Emilia Romagna;
      4. il CCNL settore Assicurativo;
      5. il CIA Gruppo Unipol e accordi specifici sottoscritti con le Organizzazioni Sindacali.
    2. Il fabbisogno di personale viene definito dalla Direzione di CUBO in accordo con la Direzione Generale Area Risorse Umane e Organizzazione di Unipol Gruppo Finanziario.
    3. Spetta alla Direzione di CUBO determinare l'orario giornaliero di lavoro, che potrà prevedere prestazioni serali, notturne e festive nel quadro della regolamentazione contrattuale specifica.
    4. La disciplina dello stato giuridico e il trattamento economico del personale di CUBO sono quelli stabiliti per i dipendenti del settore assicurativo e con specifico accordo fra Azienda e Organizzazioni Sindacali.
    5. CUBO concorda con la Direzione Generale Area Risorse Umane e Organizzazione l'attività di aggiornamento e formazione professionale del personale.
    6. Nel Centro sono assicurate le seguenti posizioni funzionali:
      1. la direzione;
      2. la progettazione e il coordinamento dei servizi educativi, di accoglienza, di conservazione e cura delle collezioni, di monitoraggio delle presenze e di catalogazione del materiale storico;
      3. i servizi di monitoraggio e promozione sul territorio;
      4. i servizi educativi;
      5. i servizi di accoglienza;
      6. i servizi artistici e mostre temporanee;
      7. i servizi amministrativi e contrattualistica;
      8. i servizi di catalogazione e archiviazione del materiale storico.
    7. Per i servizi affidati in concessione, la direzione verifica che essi siano svolti da personale qualificato, nel rispetto degli standard individuati dal Ministero e delle indicazioni precisate nei contratti di servizio.

     

  5. GESTIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO DI GRUPPO
    1. Il Centro orienta le attività di gestione del patrimonio alle norme vigenti, alle linee guida e agli standard definiti dal D.M. 10 maggio 2001, nonché alle normative ministeriali dell’istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione ( ICCD ).
    2. In particolare s’impegna a:
      1. Catalogare il patrimonio artistico del Gruppo in forma digitale (applicativi MUSEO UGF e SAMIRA) e conservarlo secondo gli standard di conservazione previsti dalla normativa;
      2. tracciare e mappare il patrimonio artistico nelle diverse sedi del Gruppo;
      3. effettuare monitoraggio periodico delle condizioni ambientali e dello stato di conservazione delle opere esposte e di quelle conservate nei depositi e proporre gli interventi conservativi necessari;
      4. proporre attività espositive al fine di fare conoscere le proprie collezioni;
      5. concedere il proprio materiale per iniziative qualificate di altri soggetti;
      6. promuovere le relazioni e gli scambi fra studiosi, la ricerca;
      7. effettuare i riscontri inventariali delle collezioni con periodicità programmata;
      8. incrementare la propria collezione con acquisizioni;
      9. valorizzare e promuovere la conoscenza del proprio patrimonio artistico al fine di promuovere lo sviluppo della cultura.

     

  6. SERVIZI AL PUBBLICO
    1. Ala OVEST (San Sebastiano) – Spazio Rosso
      1. Accoglienza Spazio Rosso e Cubo Shop
        1. Punto informazioni
        2. Guardaroba
        3. Portineria e reception
        4. Servizi igienici
        5. Vendita gadget
      2. Mediateca
        E’ lo spazio dedicato alla storia e alla società contemporanea. I visitatori si trovano “immersi” in un percorso interattivo che si snoda attraverso un labirinto di colonne che interagiscono al passaggio delle persone creando, mediante giochi di luce, set di informazioni grafiche relative alle politiche di sostenibilità ambientale sviluppate nel mondo. Alle spalle del labirinto di colonne, un videowall formato da 12 schermi dotati del sistema “kinect” che permette al visitatore di interagire con il muro multimediale soltanto attraverso i movimenti del corpo e diciotto postazioni interattive touchscreen e multi-touch che permettono, con semplici tocchi e movimenti delle mani, di visualizzare informazioni, ascoltare filmati, visionare immagini e navigare sulla linea del tempo.
        1. Archivio
        2. Fototeca
        3. Mediateca
        4. Attività didattiche
        5. Itinerari didattici
        6. Visite guidate
      3. Obiettivo Sicurezza
        E’ lo spazio dedicato alla sicurezza e all’educazione stradale dotato dei più avanzati simulatori di guida sicura auto e moto attualmente disponibili sul mercato in grado di riprodurre gli effetti provocati da particolari condizioni ambientali e psicofisiche; inoltre, grazie ad una particolare installazione unica nel mercato italiano, è possibile provare gli effetti di uno scontro frontale con l’utilizzo di cinture di sicurezza. Lo spazio è dotato inoltre di un apparecchio per la rilevazione del tasso alcolemico (etilometro) analogo a quelli usati dalle Forze dell’Ordine. Realizzato in collaborazione con la Fondazione ANIA per la Sicurezza stradale e la Fondazione Unipolis, lo spazio diviene un laboratorio di sicurezza ed educazione stradale riservato alle scuole medie e superiori e agli insegnanti che desiderano visitare con le loro classi CUBO. Disponibile per enti, istituzioni, pubbliche amministrazioni, associazioni, imprese e privati ha lo scopo di contribuire a diffondere ed a fare propria la cultura della sicurezza stradale e della prevenzione degli incidenti perché l’attenzione alla sicurezza stradale costituisce una tradizione più che ventennale per Unipol e un punto di partenza dal quale continuare a innovare.
        1. Attività didattiche
        2. Simulatori di guida sicura
        3. Materiale divulgativo multimediale
    2. Ala EST (San Giorgio) – Spazio Blu
      1. Accoglienza Spazio Blu
        1. Punto informazioni
        2. Guardaroba
        3. Portineria e reception
        4. Servizi igienici
        5. Wi-Fi gratuito
        6. i-Pad per emeroteca, consultazione archivio storico e app realtà aumentata Spazio Arte
      2. Spazio Cultura e giardini
        E’ un luogo multifunzionale pensato per accogliere le diverse iniziative ed eventi promossi da CUBO. All’interno, lo spazio dispone di una sala lettura per lo studio individuale dove è possibile consultare i libri della biblioteca di Unipol e il materiale dell’archivio storico del Gruppo. La sala, grazie ad un sistema modulare, può essere utilizzata per l’organizzazione di convegni e incontri per aree aziendali e per pubblico esterno, per i laboratori didattici e all’occasione diventa sala cinema. All’esterno i giardini sulla piazza di Porta Europa sono arredati con una serie di installazioni luminose e in estate diventano il palcoscenico per le rassegne di spettacolo.
        1. Sala per attività didattiche
        2. Sala per proiezioni e conferenze
        3. Sala studio
        4. Conferenze
        5. Convegni
        6. Biblioteca ed emeroteca digitale
        7. Presentazioni libri
        8. Laboratori didattici
        9. Manifestazioni artistico - culturali
      3. Spazio Arte
        E’ lo spazio dove vengono allestite mostre temporanee con sguardo attento alle nuove generazioni di artisti. Attraverso le mostre temporanee di artisti contemporanei, si esprimono i valori del confronto tra culture diverse, del dialogo e della riflessione sulla contemporaneità. Lo Spazio Arte nasce anche per valorizzare la collezione di opere artistiche nel corso degli anni entrate in possesso della Compagnia.
        1. Esposizioni temporanee
        2. Catalogazione patrimonio artistico del Gruppo
        3. Caveau e conservazione patrimonio artistico del Gruppo
      4. Laboratorio e archivio storico
        E’ il luogo dove viene raccolto, catalogato e digitalizzato il materiale storico delle società del Gruppo Unipol. Si tratta di documenti dell’azienda quali carteggi, manuali tecnici, storici, materiale pubblicitario, riconoscimenti e oggetti. E’ inoltre cospicua la documentazione relativa alla storia dei prodotti che rappresenta uno spaccato dello sviluppo e della varietà dell’offerta assicurativa. L’archivio comprende anche filmati, audiocassette e documentazione fotografica che testimoniano le storie di vita.
        1. Archivio storico
        2. Laboratorio per la digitalizzaione del materiale (Scanner fotografico per la digitalizzazione dei libri; scanner piano per documenti e immagini; strumenti per la conversione di audiocassette, videocassette VHS, DVD e diapositive; set fotografico con softbox e flash integrato per fotografia still-life del materiale storico)
    3. CUBO assicura l’accesso a tutti i visitatori italiani e stranieri (con particolare attenzione alle fasce sociali più deboli e ai portatori di handicap) e promuove la più ampia partecipazione della popolazione locale attraverso iniziative mirate di mediazione e integrazione culturale, anche in collaborazione con altri soggetti pubblici e privati.
    4. Gli orari e i giorni di apertura sono comunicati all’ingresso del Centro, sul sito web, presso le agenzie di promozione turistica e sulla stampa locale
    5. Le condizioni della visita, le norme di sicurezza, i divieti sono descritti nella Carta dei Servizi ed evidenziate agli ingressi.
    6. Il Centro definisce periodicamente nella Carta dei Servizi i livelli minimi di qualità dei servizi erogati e si impegna a monitorare il rispetto degli standard prefissati, rispondere ai reclami;
    7. CUBO provvede ad accertare periodicamente il grado di soddisfazione dei visitatori sulla qualità del servizio reso. A tal fine CUBO si serve della collaborazione di enti, associazioni professionali e di altre organizzazioni di cittadini, nonché di singoli gruppi o persone.

     

  7. MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEI RISULTATI
    CUBO si è dotato di un sistema di monitoraggio e valutazione per:
    1. Raccogliere e analizzare nel tempo i dati di affluenza e di customer satisfaction;
    2. Conoscere e analizzare il profilo socio-culturale e i comportamenti dei diversi pubblici che frequentano gli spazi e le iniziative proposte da CUBO;
    3. Condurre survey su temi specifici e valutazioni puntuali sulle singole iniziative attivate;
    4. Valutare la user experience dei diversi target di utenza;

    CUBO partecipa inoltre alla redazione del Bilancio di sostenibilità del Gruppo Unipol con la rendicontazione delle proprie attività.

     

 

Carta dei servizi


PREMESSA
La Carta dei Servizi è il documento che individua i principi, le disposizioni e gli standard qualitativi dei servizi offerti da CUBO, al fine di tutelare le esigenze dei visitatori in termini di efficacia, efficienza ed economicità. Essa rappresenta l'impegno di CUBO a fornire informazioni chiare sulle modalità di erogazione dei servizi e della relativa qualità, in conformità agli standard stabiliti nella direttiva regionale, agendo sulla chiarezza del rapporto con i visitatori e sulle strategie di miglioramento continuo del servizio. Inoltre la carta dei servizi contribuisce a rendere espliciti i diritti e i doveri di tutti coloro che usufruiscono dei servizi offerti da CUBO. Si intende infine offrire al visitatore l'opportunità di interagire con la struttura affinché possa diventare parte attiva di un percorso di crescita e coinvolgimento, inteso anche a formulare proposte di miglioramento per rendere i servizi più completi e a misura dell'utente.
La Carta è resa pubblica attraverso il sito di CUBO ed è disponibile in forma cartacea presso gli spazi accoglienza del Centro, ove ogni visitatore interessato può richiederne copia.

 

PRESENTAZIONE DI CUBO
CUBO Centro Unipol BOlogna è lo spazio aggregativo e il centro di documentazione attraverso il quale il Gruppo Unipol vuole raccontare la sua l'identità, la sua cultura sociale, la sua peculiarità rispetto al mercato e il ruolo sociale dell'attività assicurativa e bancaria.
Realizzato dal Gruppo Unipol in occasione dei 50 anni di attività, C.U.BO rappresenta e sintetizza in forma artistica, tecnologica e documentale la storia, l'identità e i valori sociali del Gruppo.
CUBO non rientra nella classica definizione di museo tradizionale; è piuttosto un luogo vitale del presente che si apre ai cittadini e, attraverso percorsi interattivi, emozionali, animati e altamente tecnologi, consente a ciascun visitatore di vivere esperienze legate alla cultura, all'arte, alla sicurezza e all'innovazione.
La struttura di C.U.BO - due ali interne collegate da un giardino caratterizzato da una serie di installazioni luminose e sonore intervallate da sedute con accesso wi-fi - è stata pensata per essere uno spazio aperto di aggregazione in cui scambiare relazioni e vivere esperienze emozionali su fronti diversi ma tra loro interconnessi ai valori portanti del Gruppo Unipol: dall'arte fino all'educazione alla sicurezza, dalla tecnologia fino alla cultura assicurativa.

 

PRINCIPI
CUBO garantisce il libero accesso dei visitatori senza alcuna discriminazione o limitazione pregiudiziale. L'imparzialità di comportamento sono alla base dell'attività degli operatori e vengono costantemente assicurate. Il Centro garantisce l'accesso anche ai visitatori diversamente abili attraverso la presenza di strutture e percorsi adeguati.
Al fine di assicurare l'efficace utilizzo da parte dei visitatori, i servizi vengono erogati nei limiti del rispetto delle regole e di buon funzionamento, ispirandosi al principio della massima disponibilità e collaborazione da parte del personale e al principio della semplificazione delle procedure. I visitatori possono contare sulla competenza e la disponibilità del personale nel soddisfacimento delle proprie esigenze, aspettative e richieste. A tal fine, i servizi sono improntati alla chiarezza e alla comprensibilità ed è costantemente ricercato un linguaggio facile e accessibile a tutti i tipi di pubblico. Il personale è tenuto a qualificarsi con il proprio nome nei rapporti con i visitatori, anche nel caso di comunicazioni telefoniche ed epistolari.
I servizi sono erogati con continuità e regolarità, con le modalità e negli orari stabiliti.
Eventuali cambiamenti o interruzioni nell'erogazione dei servizi vengono comunicati in modo chiaro e tempestivo, adottando tutte le misure necessarie a ridurre il disagio dei visitatori.
Il Centro incoraggia e promuove la partecipazione dei visitatori, singoli o associati, al fine di favorire la loro collaborazione al miglioramento della qualità dei servizi, individuando i modi e forme attraverso cui essi possono esprimere e comunicare suggerimenti, osservazioni, richieste e reclami.
Il Centro garantisce la conformità dei servizi erogati alla normativa vigente in materia di sicurezza e nel pieno rispetto delle disposizioni di legge per la tutela della privacy. I dati personali del visitatore vengono utilizzati esclusivamente per le finalità di carattere istituzionale e non vengono trattati da personale non autorizzato né ceduti o comunque comunicati e/o diffusi a terzi.

 

SERVIZI
CUBO adegua il proprio ordinamento e funzionamento agli standard e obiettivi di qualità previsti dal D.M.10 maggio 2001 e dalla deliberazione della Giunta Regionale n. 309/2003: Approvazione standard e obiettivi di qualità per biblioteche, archivi storici e musei ai sensi dell'art. 10 della L.R. 18/2000 .
I servizi sono erogati dal Centro secondo criteri di efficacia ed efficienza, adottando opportuni indicatori per valutarne la qualità.
Il Centro eroga i seguenti servizi:

  • servizi di apertura e visita;
  • servizi didattico-educativi e laboratori;
  • servizi di accesso e consultazione dell'archivio storico e risorse documentarie;
  • progetti culturali inerenti il patrimonio artistico e storico.

 

I servizi di apertura e visita
Il Centro garantisce al pubblico un servizio di apertura e visita alle sale espositive (Mediateca, Obiettivo Sicurezza, Spazio Arte e Spazio Cultura) attraverso il proprio personale interno, secondo gli orari stabiliti. A richiesta sono previste visite guidate per gruppi di almeno 5 persone che possono riguardare tutti gli spazi o singoli approfondimenti tematici.
Sempre su richiesta è possibile prenotare e riservare lo Spazio Cultura da parte di gruppi privati o associazioni del territorio per iniziative pubbliche, senza connotazione politica o discriminante verso qualsiasi genere o credo.

 

I servizi didattico-educativi e i laboratori
Il Centro offre la possibilità di accedere ai contenuti multimediali con diversi livelli di approfondimento e a laboratori diversificati per tipologia e fascia di età.

  • Junior al CUBO è il programma di proposte laboratoriali dedicate ai bambini dai 6 ai 10 anni e ai ragazzi da 11 a 16 anni, che promuove lo sviluppo della creatività, animazione e sensibilizzazione alla manualità attraverso una serie unità didattiche diversificate per argomento.
  • Campi ragazzi è la rassegna dedicata ai ragazzi dai 12 ai 16 anni con laboratori ed esperienze durante le vacanze scolastiche o il week-end.
  • Percorsi al CUBO è la rassegna dedicata al pubblico adulto con iniziative periodiche di diverso argomento.
  • Giardini al CUBO è la rassegna di musica e spettacolo realizzata nelle serate estive negli spazi aperti dei giardini della sede di Porta Europa.
  • Eventi al CUBO sono le iniziative specifiche dedicate ai bambini, ai ragazzi e agli adulti.
  • Cinema al CUBO: è la rassegna cinematografica inserita nelle iniziative di welfare aziendale riservate ai dipendenti delle società del Gruppo e loro accompagnatori.

 

I servizi di accesso e consultazione dell'archivio storico e risorse documentarie
CUBO mette a disposizione il proprio archivio storico e le proprie dotazioni costituite da raccolte librarie e documentarie e dall'archivio fotografico, al fine di favorire la realizzazione di programmi di ricerca, studio, analisi e approfondimenti con particolare riferimento alla storia di Unipol. Il servizio, erogato nell'ambito delle fasce orarie di apertura del museo al pubblico, è libero e gratuito con il supporto degli strumenti multimediali messi a disposizione del pubblico; la consultazione dei documenti cartacei è possibile su richiesta e per motivi di studio.

 

Progetti culturali inerenti il patrimonio artistico e storico
Il Centro collabora permanentemente con l'Istituto Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna nella realizzazione di programmi di catalogazione, conservazione e restauro del patrimonio artistico del Gruppo Unipol, di valorizzazione delle collezioni e potenziamento delle attrezzature logistiche ed espositive.

 

DIRITTI DEI VISITATORI
Tutti i cittadini possono accedere a CUBO e usufruire dei suoi servizi secondo le modalità previste dal regolamento e riprese nella presente Carta.
I visitatori hanno diritto a:

  • ricevere una chiara ed efficace informazione sulle offerte del Centro e sulle modalità di accesso ai servizi e alle iniziative;
  • comunicare con il Centro attraverso tutti i mezzi messi a disposizione a questo scopo.

Il Centro è dotato di due punti di accoglienza (uno per ogni ala) per informazioni e prenotazioni.
Con gli operatori è possibile comunicare per telefono, fax, posta elettronica o direttamente di persona.
L'orario di apertura al pubblico è stabilito dalla Direzione, nel rispetto degli standard vigenti, e viene adeguatamente pubblicizzato tramite depliant informativi e sul sito www.cubounipol.it
L'accesso al Centro è gratuito.
Per garantire una regolare programmazione delle visite, la prenotazione è obbligatoria nel caso di scolaresche e gruppi, sia quando è richiesto l'ausilio di una guida sia nei casi in cui tale servizio non sia richiesto. È anche obbligatoria la prenotazione per le attività e laboratori didattici. Le prenotazioni si possono effettuare durante gli orari di apertura del Centro per telefono o tramite sito o tramite email a laboratori@cubounipol.it.
Per comunicare osservazioni e suggerimenti o sporgere reclami è possibile inviare una mail a info@cubounipol.it.
La corrispondenza può essere inviata all'indirizzo: CUBO Centro Unipol Bologna, Piazza Sergio Vieira De Mello 3 e 5, 40128 Bologna (BO).

 

DOVERI DEI VISITATORI
Negli spazi di CUBO i visitatori sono tenuti a osservare le norme di buona educazione e di corretto comportamento nei confronti degli altri visitatori e del personale del Centro. I comportamenti in contrasto con tali regole e con i divieti indicati all'ingresso e con le indicazioni fornite dal personale possono essere anche motivo di allontanamento dalla struttura museale.
I visitatori sono tenuti a lasciare all'ingresso del Centro bagagli ingombranti e a depositare negli appositi armadietti borse voluminose e zaini.
Nel Centro è inoltre vietato:

  • introdurre animali, ad eccezione di quelli utili per accompagnare le persone disabili, e qualunque oggetto che per le sue caratteristiche possa rappresentare un rischio per la sicurezza delle persone, dell'edificio, delle strutture;
  • effettuare riprese fotografiche e audiovisive non autorizzate o in deroga con le norme esposte all'accoglienza;
  • fumare in tutti i locali del Centro;
  • consumare cibi e bevande negli spazi espositivi, salvo autorizzazioni specifiche preventivamente concordate.

 

PARTECIPAZIONE DEI VISITATORI
Al fine di valutare la qualità del servizio reso, la conformità agli standard, il grado di soddisfazione dell'utenza e la possibilità di ulteriori miglioramenti, il Centro svolge, anche con il coinvolgimento dei visitatori, periodiche verifiche sulla qualità e l'efficacia complessiva dei servizi prestati valutando il tasso di gradimento delle proposte, il grado di soddisfazione delle aspettative, i dati quantitativi sull'utilizzo delle strutture.
Il Centro rileva l'apprezzamento e la soddisfazione dei visitatori in particolare tramite indagini, questionari, raccolta di reclami e suggerimenti e tramite la raccolta diretta presso l'accoglienza.
I reclami possono essere orali, scritti, telefonici o trasmessi tramite fax o posta elettronica.
Devono contenere generalità, indirizzo e recapito del proponente. Su richiesta, il Centro garantisce una risposta entro un massimo di 30 giorni lavorativi. Grazie alle risultanze delle analisi (affluenza del pubblico; questionari; reclami e suggerimenti), il Centro provvede ad una corretta informazione sulle politiche attuate e sulla ricaduta sociale di tali politiche nel rendiconto annuale del Bilancio di Sostenibilità del Gruppo Unipol.

 

CONSULTAZIONE

  • Il servizio di consultazione dei materiale del fondo librario e dell'archivio storico è gratuito e su richiesta;
  • informazioni sul materiale del fondo librario e dell'archivio storico vengono fornite a richiesta dal personale educativo e di laboratorio;
  • è permessa la consultazione di libri propri nello Spazio Cultura;
  • è consentito consultare i materiali e i volumi del fondo librario e dell'archivio storico fino ad un massimo di 3 documenti per volta; 
  • é necessario restituire i volumi in consultazione prima di poter effettuare nuove richieste;
  • il lettore è tenuto a trattare con la massima cura tutti i materiali ricevuti in consultazione;
  • non è consentito il prestito esterno dei materiale e dei volumi del fondo librario e dell'archivio storico.

 

INTERNET
CUBO offre il servizio di accesso gratuito ad Internet (wi-fi interno) mettendo a disposizione del pubblico 9 tablet. L'uso di Internet in biblioteca dovrà attenersi alle finalità di ricerca, studio, documentazione e crescita delle conoscenze personali.
Il visitatore è tenuto a registrarsi, firmando l'apposita modulistica, per l'utilizzo personale dei tablet in Spazio Cultura.
Dalle postazioni Internet dello Spazio Cultura è possibile:

  • navigare in rete;
  • leggere e spedire messaggi di posta elettronica;
  • utilizzare i servizi di realtà aumentata per la visita alle mostre allestite presso lo Spazio Arte;
  • leggere i quotidiani e la stampa on-line;
  • navigare nell'archivio storico della Mediateca di CUBO.

CUBO offre il servizio di accesso a Internet gratuito per la navigazione personale nei Giardini; è necessario richiedere la password di autenticazione in accoglienza Spazio Blu.

Il mancato rispetto delle disposizioni per il corretto utilizzo di Internet può comportare, a seconda dei casi:

  • l'interruzione della sessione;
  • la sospensione dall'accesso ai servizi per 30 gg o l'esclusione;
  • la denuncia all'autorità giudiziaria.

Il servizio Internet è utilizzabile:

  • da parte di tutti i visitatori del Centro;
  • da parte di tutti i cittadini indipendentemente dalla loro residenza, previa iscrizione al servizio di accesso a Internet;
  • i minori di 18 anni devono essere autorizzati da un genitore o da chi ne fa le veci;
  • i minori di 14 anni accedono affiancati da un adulto che esercita la patria potestà.

Prima di effettuare il collegamento l'utente deve firmare l'apposito registro ed esibire un documento di identità (D.M. Interno del 16 agosto 2005 contenente norme in materia di antiterrorismo; D.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003, Codice in materia di protezione dei dati personali). Per ragioni tecniche CUBO non è in grado di garantire ai visitatori la riservatezza dei percorsi di ricerca da loro compiuti durante la navigazione in rete.
CUBO non è responsabile della qualità delle informazioni presenti sulla rete.

 

PRESTITO PERSONALE
CUBO non effettua servizio di prestito dei documenti posseduti.

 

DONAZIONI
CUBO accetta doni e donazioni documentarie ed artistiche da parte di privati cittadini, enti e associazioni. Le donazioni rappresentano un'importante ed apprezzabile forma di integrazione e arricchimento del patrimonio librario, storico ed artistico, tuttavia esigenze di gestione e di coerenza nello sviluppo delle raccolte, impongono al Centro di accettare i materiali offerti in dono solo dopo un'attenta disamina delle disponibilità di spazio, di coerenza con i temi e di personale per la gestione delle raccolte. È necessario quindi che il donatore fornisca una lista dei titoli proposti in dono indispensabile per la valutazione dei materiali. Nel caso in cui il Centro, a seguito delle verifiche effettuate, non abbia interesse ad acquisire la donazione, il personale potrà individuare e suggerire al donatore eventuali altre istituzioni del territorio il cui patrimonio documentario sia più affine alle caratteristiche dei materiali proposti in dono. In caso di accettazione del materiale donato, il Centro provvederà a redigere la documentazione specifica per regolare la donazione tra le parti.

 

RECLAMI E SUGGERIMENTI
Tutti i visitatori possono segnalare eventuali disservizi riscontrati o fornire suggerimenti per migliorare i servizi erogati. Reclami e segnalazioni possono pervenire in forma verbale direttamente o telefonicamente al personale di CUBO, o in forma scritta. Il visitatore viene informato, mediante il Regolamento e la Carta dei Servizi, sui suoi diritti e responsabilità, nonché sugli standard di servizio che si può attendere.


Indice dei contenuti


Scarica gli Allegati



Torna all'inizio

×